Profilo

Alexander Höbel, nato a Napoli nel 1970, vive e lavora a Roma. Dottore di ricerca in Storia presso l’Università “Federico II” di Napoli, ha ottenuto l’idoneità come professore di seconda fascia di Storia contemporanea nell’ambito dell’Abilitazione scientifica nazionale 2012. Da alcuni anni si occupa di storia del movimento operaio e comunista. Ha pubblicato vari saggi sulla storia del PCI, e ha partecipato ai volumi collettanei Fascismo e lavoro a Napoli. Sindacato corporativo e antifascismo popolare (1930-1943), a cura di Gloria Chianese, e Luciano Lama. Sindacato, società e politica nell’Italia repubblicana, a cura di Maurizio Ridolfi, editi dalla Ediesse nel 2006.

È autore con Gianpaolo Iannicelli de La strage del treno 904. Un contributo delle scienze sociali (Napoli, Ipermedium, 2006), e ha curato il volume Il PCI e il 1956 (Napoli, La Città del Sole, 2006).

È stato borsista dell’Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia, per il quale ha pubblicato il volume Il PCI di Luigi Longo (1964-1969), Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 2010, prefazione di Francesco Barbagallo.

Ha collaborato con la Fondazione Istituto Gramsci, con la Fondazione Giuseppe Di Vittorio e con l’Istituto della Enciclopedia italiana Treccani. Ha appena concluso, come borsista della Fondazione Luigi Longo, la prima parte della biografia del leader comunista: Luigi Longo, una vita partigiana (1900-1945), prefazione di Aldo Agosti, Roma, Carocci, 2013.

Attualmente è tra i collaboratori della Fondazione Istituto Gramsci, per conto della quale svolge il lavoro di cura redazionale della rivista “Studi storici”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...